+ IVA IVA INCLUSA

PITTURE E SALUTE INDOOR: GUIDA ALL’ACQUISTO

Fareke Prodotti e guida agli acquisti 0 Commento/i 935 visualizzazione/i

Pitture SICURE per l’ambiente, per chi le usa e per chi abita le nostre case.

Quello che devi sapere se acquisti un prodotto verniciante.

Esiste un piano d’azione previsto dalla Comunità Europea che mira a migliorare lo stato di salute dell’ambiente e dei cittadini, riducendo le emissioni e l’inquinamento e, allo stesso tempo, generando una nuova economia e nuovi posti di lavoro.

PITTURE E SALUTE INDOOR: GUIDA ALL’ACQUISTO

Le aziende che producono pitture professionali di qualità lavorano in questa direzione, adottando soluzioni tecnologiche praticabili per ridurre l’impatto dei prodotti sull’ambiente e sulle persone. 

Si tratta di pitture che escludono dalle formule sostanze pericolose come formaldeide, piombo, toluene;  e producono con livelli di VOC di molto inferiori ai limiti accettati dalle direttive comunitarie europee ed in alcuni casi completamente esenti. 

Ma cosa sono i VOC? In Sostanza una casa salubre si ottiene gestendo luce, aria, temperatura e umidità nelle giuste proporzioni ed evitando la contaminazione dell’ambiente interno con sostanze nocive. Queste sostanze sono chiamate VOC. Sono di diversa origine, naturale o antropica, e hanno effetti dannosi a seconda della loro concentrazione negli ambienti. Tra i più diffusi il limonene, il toulene e soprattutto la formaldeide. Per valutarne la presenza, si può fare riferimento alle etichette ecologiche: un sistema che garantisce che il prodotto sia ecologico in tutto il suo ciclo di vita -dalle materie prime allo smaltimento-.

Quando si acquista un prodotto verniciante o una pittura è sempre cosa buona accertarsi che esso sia provvista di queste etichette.  Le etichette possono  essere volontarie od obbligatorie. Le volontarie prevedono 3 tipi di marchi: di tipo I, certificato da parte esterna -pubblica o privata- che fissa i valori di soglia e i limiti di prestazione; di tipo II che è una semplice autodichiarazione del produttore; di tipo III, che è una dichiarazione ambientale affidata a un ente terzo. Oggi in Italia sono stati introdotti i CAM -criteri ambientali minimi- che però prendono in considerazione solo 15 sostanze, contro le oltre 200 previste dai regolamenti esteri.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre